Corso per Magistratura Ordinaria 2022 (full) + indicazione sui criteri selettivi

Con decreto del 8.4.2022, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 29.4.2022, n. 34, sono state fissate le date delle prove scritte del concorso per Magistrato Ordinario (500 posti): 13-14-15 luglio.

La prova consiste nella redazione di un tema, entro 5 ore dal termine della dettatura, per le materie di Diritto civile, Diritto penale, Diritto amministrativo.

La Scuola di Diritto Avanzato propone un corso full, interamente OnLine, di almeno 22 ore, sulle tre materie oggetto di concorso: le lezioni si svolgeranno a ridosso delle prove scritte, così da agevolarne una maggiore focalizzazione tenendo conto della specificità (soggettiva ed oggettiva) della commissione.

Costo: euro 250,oo

Docenti: Luigi Viola ed altri Docenti della Scuola (possono essere coinvolti docenti esterni per una percentuale non superiore al 15% delle lezioni)

Contenuto: 3 esercitazioni pratiche + 22 ore di lezione

Date: 21 giugno, dalle ore 19 alle ore 21 (lezione sull’interpretazione della legge alla luce delle ultime evoluzioni giurisprudenziali), 23 giugno dalle ore 18 alle ore 22; 28 giugno, dalle ore 18 alle ore 22; 30 giugno dalle ore 18 alle ore 22; 5 luglio dalle ore 18 alle ore 22; 7 luglio dalle ore 18 alle ore 22; 24-25-26 giugno, esercitazioni pratiche dalle ore 10 alle ore 15.

Iscrizioni: riservate ad ex corsisti della Scuola Diritto Avanzato ed Overlex (di qualsiasi anno); per procedere all’iscrizione, inviare un’email a info@scuoladirittoavanzato.com ; al corso potranno partecipare anche gli attuali corsisti di Magistratura.

————————————————————————-

Congratulazioni ai nostri corsisti che hanno superato la prova scritta del concorso in magistratura da 310 posti !

Solidarietà totale a chi non ce l’ha fatta, ricordando la frase di Nelson Mandela: non perdo mai, o vinco o imparo.

La media dei nostri corsisti (coloro che hanno seguito almeno il 90% delle lezioni ed esercitazioni) idonei alla prima prova dell’ultimo concorso è oltre il 15% (media nazionale pari al 5,7%).

————————————————————————–

In tema di criteri selettivi per la prova scritta del concorso in magistratura, si evidenzia che che il d.lgs. 160/2006, all’art. 5 comma 3, si limita a stabilire che “Nella seduta di insediamento di tutti i suoi componenti, la commissione definisce i criteri per la valutazione degli elaborati scritti e delle prove orali dei candidati”: è la Commissione (composta, si ricorda, non soltanto da 21 magistrati, ma anche da 5 professori universitari e da 3 avvocati), pertanto, a stabilire detti criteri selettivi.

Tuttavia, si legge in  GIANNITI, Guida al Concorso per Magistrato Ordinario, pag. 89, 2017, che:

“gli elementi ritenuti generalmente indispensabili per una valutazione positiva «al minimo» sono:

a) la dimostrazione da parte del candidato di conoscere i concetti fondamentali e quelli specifici, che formano oggetto del tema assegnato;

b) la chiarezza, il rigore metodologico e la capacità di sintesi delle argomentazioni;

c) la correttezza – anche ortografica, grammaticale, logica e sintattica – dell’esposizione, nonché l’uso di appropriata terminologia giuridica;

d) in caso di non approfondita conoscenza della parte speciale, che forma oggetto del tema, la dimostrazione da parte del candidato di sapersi orientare nell’esposizione degli elementi caratteristici dell’istituto esaminato, e di saper fornire, alla luce dei contributi della giurisprudenza e della dottrina, una ragionata ed intelligente soluzione della questione, anche se difforme dall’orientamento comune o prevalente;

e) per quanto concerne lo svolgimento dell’elaborato di diritto amministrativo (che può avere ad oggetto anche una problematica in materia di diritto comune o di pubblico impiego), è necessario che il candidato dia dimostrazione di sufficiente padronanza della problematica afferente il riparto delle giurisdizioni.

In base ai suddetti parametri (spesso più semplici nell’enunciazione che nell’applicazione concreta) ciascuna commissione assegna il punteggio minimo a quei candidati che, sulla base di una valutazione globale dei tre elaborati, che, pur essendo incorsi in inesattezze non rilevanti, dimostrano di avere una preparazione appena sufficiente, riservandosi un più puntuale controllo degli stessi nella prova orale”.

 

Relativamente al bando da 310 posti (d.m. 29.10.2019) , la Commissione, allo “scopo di garantire la formazione di giudizi oggettivi ed uniformi nella correzione, ritiene che possa considerarsi idoneo il singolo elaborato che:

•​ presenti una forma italiana corretta sotto il profilo terminologico, sintattico e grammaticale e riveli adeguata padronanza della terminologia giuridica nonché sufficiente chiarezza espositiva, requisiti tutti indispensabili per la corretta redazione dei provvedimenti giudiziari;
•​ presenti una pertinente, coerente, ed esauriente trattazione del tema assegnato e dimostri in capo al candidato una sufficiente conoscenza degli istituti cui direttamente esso si riferisce e dei principi fondamentali della materia, nonché un’adeguata cultura giuridica generale;
•​ riveli la capacità del candidato di procedere all’analisi delle problematiche sottese agli argomenti proposti dalle tracce, dimostrando la consapevolezza critica delle fonti normative e dell’elaborazione giurisprudenziale e dottrinale ed esponendo l’esito del ragionamento giuridico con stile sintetico e contenuti non meramente nozionistici”.

 

 

———————————————————————————————–

 

 

Puoi vedere una lezione di Luigi Viola presso la Scuola di Dottorato di Diritto Privato (UniSob)–>Interpretazione della legge con modelli matematici e Valutazione delle prove secondo prudente apprezzamento

Puoi vedere una relazione di Luigi Viola al recente convegno sul criterio del più probabile che non –>Il più probabile che non è giusto?

Puoi vedere Luigi Viola in occasione della presentazione del Suo libro (Interpretazione della legge con modelli matematici tradotto in 6 linguepresso l’Istituto dell’Enciclopedia TRECCANI ed LONDRA presso Church house  e presso il Center for American Studies.

Condividi
Share On Twitter
Share On Linkdin

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Show Buttons
Share On Facebook
Share On Twitter
Share On Google Plus
Share On Linkdin
Hide Buttons